Che bedda sta Matri (Inno dialettale del Santuario)



Ca bedda sta Matri è l’inno più antico che Mompileri conservi . L’origine delle diverse strofe è da ricercarsi certamente in più periodi e in più cuori. L’inno vuole trasformare in canto i sentimenti provati dai pellegrini al termine del cammino irto di difficoltà tra le lave per raggiungere il Santuario. La fatica e il sacrificio rendono ancora più bella la meta tanto agognata. Tutto è bello: la chiesa ottocentesca, di per sé povera nella sua struttura esterna ed interna; la statua in ogni suo particolare, finanche le candele che adornano l’altare vengono salutate. L’umile casa di Maria, agli occhi di chi ha camminato per raggiungerla diventa quindi immagine terrena del santo Paradiso, meta del cammino dell’uomo e luogo della visione della Sua gloria. Ad ogni strofa si alterna il ritornello “La ‘razzii su’ tanti…”: una attestazione di devozione che è frutto di una presenza operante della Madre già sperimentata e che al tempo stesso si vuole quasi determinare invocandola per il momento presente. E la memoria personale e comunitaria vuole subito coinvolgere altri nell’esperienza di grazia di Mompileri: “… si tu li voi sapiri li veni a vidiri ccà!”. C’è quindi un ragione che il pellegrino si ripete prima, durante e dopo il cammino verso il Santuario della Madre: è quello il luogo dove andare a vivere un’esperienza che è irripetibile con parole umane; il luogo dove vivere sentimenti ed esperienze spirituali “… ca non si ponu diri...”. Alle prime strofe “descritive” dell’immagine, dell’evento e del luogo, seguono le strofe dedicate alle comunità cittadine che vengono in pellegrinaggio al Santuario ed alle altre appartenenti alla Diocesi di Catania. Tra queste, alcune sono di antica composizione e sono state raccolte dalla viva voce dei fedeli, alcune, perdute, sono state riscritte, altre inserite più recentemente. Seguono alcune strofe tematiche o legate ad alcune categorie di persone. Strofe descrittive La Madre Che bedda ‘sta Matri ca teni ‘stu Figghiu la rosa e lu gigghiu c’aduri ca fa e c’aduri ca fa. Rit. Li ‘razii su’ tanti ca non si ponnu diri si tu li voi sapiri li veni a vidiri ccà e li veni a vidiri ccà. Il Figlio Che beddu ‘stu Bamminu Maria ‘n brazza lu teni Maria di Mumpileri li ‘razii ca fa e li ‘razii ca fa. La lava Calau la lava e la cupriu tutta Maria sutta ‘dda ‘rutta li ‘razii ca fa e li ‘razii ca fa. La statua Che beddu ‘stu mantu é ‘ranni quant’ ‘u mari Maria n’ha riparari Matri di carità e Matri di carità. Che beddu stu velu Maria ‘n testa lu teni Maria di Mumpileri si vosi stari ccà e si vosi stari ccà. Che bedda ‘sta curuna Maria ‘n testa la teni Maria di Mumpileri li ‘razii ca fa e li ‘razii ca fa. Che bedda ‘sta vesti è ‘ianca e cilistina vui siti la Rigina Matri di carità e Matri di carità. Che bedda ‘sta vesti è tutta stiddi stiddi e ranni e picciriddi tuttti vinemu ccà e tutti vinemu ccà. Che beddu ‘st’altaru é tuttu ‘nt’a ‘n oru Maria lu ‘ran trisoru li ‘razii ca fa e li ‘razii ca fa. Che bedda ‘sta sciara è tutta pitrusa Maria quant’è amurusa si vosi stari ccà e si vosi stari ccà. Ma sparsa è di jnestra di tinta assai vivaci oh chi biata paci veni a rignari ccà e veni a rignari ccà. La natura Che beddu ‘stu cielu supra ‘sta ‘rutta ‘scura e tutta la natura ni dici “veni ccà!” e ni dici “veni ccà!” Le strofe dei paesi Adrano Turnamu allu to’ cori ccu li cori cuntriti a nui figghi adraniti Maria vardini tu e Maria vardini tu. Aci Bonaccorsi Vinemu ‘a matinata di Aci Bunaccursi pri sta matruzza amata e pri lu figghiu so’ e pri lu figghiu so’. Belpasso Di “Malu” a “Beddupassu” ccu tia caminamu Maria ti supplicamu cunforta i figgli to’ e cunforta i figghi to’. Biancavilla O quantu cuntitizza taliari ‘a to’ biddizza puru di Biancavilla semu venuti cca e semu vinuti cca Borgiardo Fanni li to’ carizzi a tutti i bungiardisi pri li to’ tinirizzi semu vinuti cca e semu vinuti cca Bronte A nui figghi bruntisi pirdunini l’uffisi e mustrini pietusa lu Figghi tò Gesù e lu Figgiu tò Gesù. Camporotondo Che bedda ‘sta Matri ca binidici ‘u munnu e nui di Campurutunnu ogn’annu semu ccà e ogn’annu semu ccà. Rit Catania Semu frati e divoti di la Santuzza bedda tu matri e virginedda ni chiami tutti ccà e ni chiami tutti ccà! Gravina di Catania Di ‘sta Matruzza bedda sunu tutti divoti e tanti Placaloti vinemu sempri ccà e vinemu sempri ccà. Rit Maletto Ascutini binigna nui semu malittisi luntanu è lu paisi ma oggi semu ccà e oggi semu ccà. Maniace Vinemu di Maniaci p’aviri la tò paci tu Matri di l’amuri n’aspetti sempri ccà e n’aspetti sempri ccà Mascalucia E quantu pilligrini acchianunu ‘sta via ca di Mascalucia ni porta tutti ccà e ni porta tutti ccà. Rit Massa Annunziata Fu di Mass’Annunziata la giuvin’ ispirata ci dissi ccu firvuri scavamu tutti ccà e scavamu tutti ccà. Rit Misterbianco Che bedda ‘sta Madonna ccu lu Bamminu o’ ciancu e nui di Misteriancu semu vinuti ccà e semu vinuti ccà. Rit Motta S. Anastasia E puru di la Motta di S. Anastasia vinemu a la to` casa o Matri pura e pia o Matri pura e pia. Rit. Nicolosi Che bedda ‘sta vesti è tutta rosi rosi Maria di Niculosi si vosi stari ccà e si vosi stari ccà. Rit Paternò Di Paternò ‘cchianamu ccu la curuna ‘n manu e tutti li prigheri li didicamu a te e lì didicamu a te. Pedara A tia n’affidamu, oh Matri di la Sciara pruteggi la Pidara e tutti i figghi so’ e tutti i figghi so’. Piano Api - Acireale Che bedda ‘sta Chiesa ammensu ‘sti sciareddi e nui di Balateddi semu vinuti ccà e semu vinuti ccà. Rit Ragalna Pri tutt’’a ‘ternitati nui figghi di Ragalna a tia semu affidati oh Matri di pietà e Matri di pietà. Sant’Agata Li Battiati Oh Matri di pietati, Matri di la Spiranza, vinemu de’ Vattiati pri ‘nu surrisu to’ e pri ‘nu surrisu to’. San Giovanni La Punta Lu cori a te si cunta pirchì tu ni cunforti nui figghi di la Punta ni cunfidamu a te e ni cunfidamu a te. San Giovanni Galermo E nui li galirmisi vinemu penitenti prì d’occhi risulenti ‘cchianamu a pedi ccà e ‘cchianamu a pedi ccà. San Pietro Clarenza Che beddu ‘st’Altari ccu li cannili accisi e tutti li sanpitrisi semu vinuti ccà e semu vinuti ccà. Rit Santa Maria di Licodia Tu sempri ni difenni de’ lupi ‘ntà la via semu di Licodia e n’affidamu a te e n’affidamu a te Trecastagni Vinemu a la to’ casa ppi strati e ppi campagni semu di Triccastagni figghi divoti a te e figghi divoti a te. Rit Tremestieri Etneo A tia cunsignamu li ansii e li pinseri quannu di Trimisteri turnamu ancora ccà e turnamu ancora ccà. Rit Viagrande Che bedda ‘sta sciara addivintau paisi e tutti li Varannisi tutti vinemu ccà e tutti vinemu ccà. Rit Zafferana Etnea Tu matri pruvirenti sì la nostra suvrana a nui di Zafferana mostra lu Figghu to’ e mostra lu Figghiu to’. Strofe di alcune categorie I seminaristi Di lu tò Figgi Diu sintemu la chiamata tu matri ritruvata assisti ‘i figghi to’ e assisti ‘i figghi to’ L’eremita Vicinu di sta rutta ci stesi l’eremita e tutti i pilligrini lu salutavunu ccà e lu salutavunu ccà. La comunità Parrocchiale Cà beddu stu chianu Cu tutti sti cristiani E nui, li parrucchiani Ristamu sempri ccà… E ristamu sempri ccà. Rit La Comunità Fratenità Nostra Signora della Sciara Sutta ‘sta vesti bianca c’è ‘n cori cunsacratu ni chiami pi prigari e pri sirviriti ccà e pri sirviriti ccà.


popolare - proprietà riservata del Santuario, vietata ogni riproduzione per scopi diversi all`uso relativo al Santuario di Mompileri

Navigazione

Contatti

Santuario Giubilare di Catania
Madonna della Sciara
Via Mompileri, sn
Mompileri - Mascalucia (CT) - Italy

Email: info@madonnadellasciara.it
Telefono: +39 095 791 4117
Cellulare: 347 370 0375

Santuario e parrocchia

Il Santuario Arcidiocesano è anche sede della Parrocchia Maria Santissima Annunziata in Massannunziata.