(antica poesia dialettale)



Potrebbe essere questo il titolo della seguente poesia raccolta dalla prof. Carmela Messina di Trecastagni dai ricordi di una anziana parente. Il componimento è semplice e particolareggiato; spontaneo e diretto al tempo stesso. A lu milli e seicentu, stati attenti, l’annu seicentusissantanovi, ‘nta iurnata, a li setti di marzu li currenti comu dici la storia stampata, scassau l’Etna tanta viulenti; la prima vurricò l’Annunziata e la Matri di Diu ca era prisenti ‘menzu lu focu non fu mulistata. Dopu tant’anni di stu focu calatu ‘na donna anziana si si ‘nzunnau a Maria ci dissi lu paisi vurricatu e la distanza quantu ci vurria: “C’è ‘ntirrenu di vigna vurricatu Scurdari non ti poi la mia idea, dda trovi lu me tempi sacratu scava ca trovi l’immagini mia”. Comu si sbrigghia mentri ca dummia Di ddu gran sonnu si pigghiau primura, unni c’erunu genti lu dicia ca ‘nzunnatu savia la Gran Signura. E allura di purtaru ‘ncumpagnia Supra lu locu pigghiaru la misura Unni la bedda matri l’avvirtia Maria ci desi la strada sicura. Li patrioti tinnuru cungiura Supramisi di ‘nsensu giniali pi truvari dda Maria, la Gran Signura. Mentri non si sapeva lu lucali Scavannu se jorna e mintennisi accura ‘nta matina truvaru lu signali. E li divoti pigghiati d’arsura pi la Matri di Diu putiri truvari, non putennu la siti simputtari ci purtaru cufina di racina. Era iurnata, duvennu pinsari, o diciassetti d’austu ‘nta matina. comu si visti dd’attaru spuntari cu dda Virgini Santa sullivata: “Non la dovemu nuddu abbanunari. Idda ‘a statu e Idda sarà nostra Avvucata. Populu tuttu prea ‘nta sta iurnata ni cummeni di fari orazioni avanti di sta Virgini sacrata unni si prea Diu cu passioni. Chista Matri di Diu affiziunata ‘ni porta a luci di salvazioni, la si divina festa è consacrata. È festa sacra e di divuzioni. pi pinitenza ‘na Savvi Rigina non duvemu la fidi abbannunari, Maria sempri a nui ci sta vicina é Matri ca n’aiuta a tutti pari. lu fattu di la chiesa si disponi si misi manu di lu fundamentu ogni divotu fa prummissioni pi puttari la chiesa a finimentu. Al di là di alcune date contraddette dai documenti (l’eruzione ha avuto inizio l’11 marzo 1669 e non il 7 e il ritrovamento è avvenuto il 18 agosto 1704 e non il 17), tale poesia suscita alcune valutazioni. 1) Il riferimento alla raccolta di fondi “pi purtari la chiesa a finimentu farebbe pensare a due


in Carmela Messina, Trecastagni Preghiere e canti in dialetto, ricordi ed espressioni gergali, Viagrande 2015, 38.

Navigazione

Contatti

Santuario Giubilare di Catania
Madonna della Sciara
Via Mompileri, sn
Mompileri - Mascalucia (CT) - Italy

Email: info@madonnadellasciara.it
Telefono: +39 095 791 4117
Cellulare: 347 370 0375

Santuario e parrocchia

Il Santuario Arcidiocesano è anche sede della Parrocchia Maria Santissima Annunziata in Massannunziata.